IT4Fashion e LogisLab

Il 3 aprile 2014 si terrà presso il teatro Obihall di Firenze, l’edizione 2014 di IT4Fashion, un momento di incontro e scambio sulle tematiche del Product Lifecycle Management, della virtualizzazione a supporto dello sviluppo nuovo prodotto e delle potenzialità dei sistemi informatici per la gestione efficace della supply chain. Oltre alle sessioni plenarie, si svolgeranno tre sessioni parallele NPD/PLM, Supply Chain e Retail, incentrate sui temi della sostenibilità ambientale, della gestione del ciclo di vita del prodotto moda, del monitoraggio delle prestazioni aziendali in area retail e dell’utilizzo della Business Intelligence a supporto delle strategie di gestione della Supply Chain. L’evento è organizzato dal laboratorio scientifico universitario LogisLab, diretto dal prof. Rinaldo Rinaldi dell’Università di Firenze. Il laboratorio è nato con l’obiettivo di sviluppare relazioni tra università e imprese, sui temi del miglioramento delle prestazioni logistiche e dei sistemi aziendali, attraverso progetti di ricerca congiunti.

Link utili:

http://www.it4fashion.org/

http://www.poloprato.unifi.it/it/ricerca/laboratori/logislab/home.html


I 5 fattori trainanti per il WMS

Un recente articolo pubblicato dall’online magazine made in USA Logistics Management, ha individuato 5 fattori trainanti per la crescita commerciale dei WMS.

Secondo Bridget McCrea, in un mercato ormai maturo dei software standard, i WMS continuano a rivestire un ruolo di primo piano nella continua evoluzione dell’ambiente logistico e distributivo. L’editor propone 5 drivers capaci di far aumentare la domanda di software WMS :

  • Soluzioni WMS “Chiavi in mano”: Nel vortice evolutivo della tecnologia logistica, le aspettative dell’utente sono sempre più orientate a dei prodotti ready to use.
  • Maggiore integrazione con i Warehouse Control Systems.
  • Migliore assistenza tecnica al WMS.
  • Maggiore customizzazione delle funzionalità analitiche dei software.
  • Focalizzazione sul work planning….

Specialmente riguardo quest’ultimo punto, l’articolo mette in luce il ritardo delle tecniche d’immagazzinamento rispetto a quelle produttive, in quanto adotterebbero “modalità di pianificazione basate su vincoli”. Tuttavia pare che le cose stiano cambiando, si registra infatti una crescente pianificazione del lavoro e della circolazione degli operatori negli ambienti, sempre più orientata ad un’anticipazione delle esigenze logistiche. Il consiglio è quello di puntare su dei WMS in cui si ponga l’accento sulla “M” di gestione in termini strategici.

 


City Logistics: idee o fatti?

Si è tenuto il 19 Novembre 2013 il convegno di AILOG sulla City Logistics. Tematica attualissima e di fondamentale importanza dato che il 50% del traffico delle merci si concentra nei perimetri urbani, e che le caratteristiche dei nostri sistemi viari insieme alla crescente percentuale di distribuzione delle merci a domicilio pongono agli addetti della logistica delle ardue sfide. Tra i temi più interessanti: La sostenibilità della logistica urbana, Gli ostacoli alla City Logistics, La consegna a domicilio e Il ruolo della tecnologia nella gestione delle flotte. Per conoscere il programma:

http://www.logisticamente.it/SupplyChain/199/Convegno_city_logistics_2013_programma.aspx


II Warehouse Market Meeting 2013

Il 14 Novembre 2013 Alcman ha partecipato al II Warehouse Market Meeting che si è tenuto presso la sede della Trevi Spa a Lancenigo di Villorba (Treviso). Fulcro dell’evento è stata l’attività della piattaforma www.warehouse-logistics.com Oltre alla presentazione di news, tendenze e riscontri del portale, sono stati presentati i risultati di un’analisi del Warehouse Logistics Market a livello europeo. L’evento è stato una delle più importanti occasioni dedicata agli addetti ai lavori per uno scambio sulle dinamiche e prospettive del settore, nonché una interessante opportunità per venire a contatto con la realtà del Fraunhofer Institute di cui Trevi Spa è partner esclusivo.

 


La Logistica del Calzaturiero

Nel settore calzaturiero esistono potenzialità di miglioramento nei processi logistico-produttivi tuttora inespresse. Una visione per processi integrati in ottica lean può mutare prospettive apparentemente consolidate, volgendole verso una rivalutazione delle realtà locali purché fortemente sincronizzate, con riduzione dei costi, miglioramento del livello di servizio e riposizionamento competitivo.

Alcman ha promosso presso la sede di Ingegneria Gestionale di Fermo l’organizzazione del Convegno AILOG (Associazione Italiana di Logistica e Supply Chain Management)

LA LOGISTICA DEL CALZATURIERO: Più Servizio Meno Costi

Nel numero di Ottobre 2012 di Tecnica Calzaturiera l’articolo “La Logistica del Calzaturiero: Più Servizio Meno Costi” con autori Andrea Bacalini (Alcman) Stefano Berdini (Opera) e Giuseppe Conte (Università Politecnica delle Marche) riporta alcuni concetti di fondo sviluppati nel convegno

Video: https://youtu.be/6Ft6nRIga1M


C’è movimento in magazzino!

Alcman ha partecipato all’evento del 16 Ottobre 2013 organizzato da AILOG e Logisticamente.it presso il Palazzo dei Congressi di Salsomaggiore Terme. Nel corso dell’evento esperti e manager aziendali hanno presentato i loro approcci metodologici ed illustrato progetti realizzati recentemente in aziende che hanno investito nella logistica e nel magazzino per raggiungere posizioni di eccellenza.

http://www.ailog.it/visuale/convegni-ailog/c_e_movimento_in_magazzino-178/


ECOMONDO 2013 e il volto green della logistica

3d grassy road isolated

Alcman ha recentemente partecipato ad Ecomondo il più importante forum per la Green Economy nel Mediterraneo, che anche quest’anno ha saputo integrare la dimensione commerciale e quella tecnico-scientifica. Uno spazio rilevante è stato dedicato all’innovazione e a convegni e meeting d’informazione. La piattaforma green ha permesso ai visitatori di approfondire il tema dei finanziamenti dei recenti bandi nazionali per la ricerca industriale “Cluster” e “Smart City” e quelli promossi dalle iniziative Europee (PPPs, JPI, KIC, etc) che indirizzano i contenuti di Horizon 2020, che finanziera´ la ricerca industriale EU dal 2014 al 2020 con circa 80 miliardi di euro.

Per ulteriori informazioni: 

http://www.ecomondo.com/fiera/focus.asp